Agevolazioni Iva al 10% con Insufflaggio Certificato. Il benessere in casa è ancora più conveniente con l’aliquota Iva al 10%.

Un sistema veloce, pulito ed efficace per rendere la tua casa calda d’inverno e fresca d’estate è Insufflaggio Certificato. Ancora più vantaggioso e conveniente con l’Iva agevolata. Cosa aspetti scopri subito come approfittare dell’aliquota Iva al 10% con Insufflaggio Certificato.

Negli articoli del blog vogliamo dare un reale supporto tecnico informativo ai nostri lettori. Cerchiamo pertanto di riportare, ogni volte che ne abbiamo l’occasione, notizie e informazioni relative alle varie possibilità di risparmio e agevolazione legate al mondo di Insufflaggio Certificato. Tempo fa abbiamo approfondito le dinamiche della detrazione fiscale 65%, anche con un esempio concreto illustrato passo passo. Oggi invece spiegheremo i vantaggi legati all’agevolazione dell’aliquota Iva al 10% con Insufflaggio Certificato

Proseguendo la lettura dell’articolo potrai approfondire per quale tipologia di immobili è possibile godere di questa riduzione dell’aliquota Iva, non solo per lavori di risparmio energetico; cosa occorre e quali documenti presentare.

A quali immobili si applica l’Iva al 10% con Insufflaggio Certificato

La riduzione dell’aliquota Iva al 10% si applica ai “fabbricati a prevalente destinazione abitativa”, così come vengono definiti dalla “Circolare del 07/04/2000 n. 71” del Ministero delle Finanze – Dipartimento Entrate Affari Giuridici Ufficio del Direttore Centrale.
Nello specifico, come riportato nella circolare, sono da considerarsi tali:

a) singole unità immobiliari di categoria catastale da A1 ad A11, a prescindere dal loro utilizzo – ad esclusione della categoria A10 (uffici)- e anche nel caso in cui la singola unità immobiliare sia parte di un edificio non a prevalente destinazione abitativa;

b) interi fabbricati a prevalente destinazione abitativa, per i quali l’agevolazione si applica agli interventi eseguiti sulle parti comuni. Il Ministero delle finanze ha precisato (C.M. 29 dicembre 1999, n. 247/E) che rientrano nell’agevolazione gli immobili con più del 50% della superficie dei piani sopra terra destinata ad abitazione privata, senza però che debba sussistere l’altra condizione richiesta dalla legge 2 luglio 1949, n. 408 (Legge “Tupini”), vale a dire che la superficie destinata a negozi non ecceda il 25% della superficie dei piani sopra terra;

c) edifici di edilizia residenziale pubblica connotati dalla prevalente destinazione abitativa e individuati dalla C.M. 9 luglio 1999, n. 151/E;

d) edifici assimilati alle case di abitazione non di lusso ai sensi della legge 19 luglio 1961, n. 659, a condizione che costituiscano stabile residenza di collettività (orfanatrofi, ospizi, conventi, ecc., ma non scuole, caserme, ospedali, ecc. in quanto privi del carattere di stabile residenza);

e) pertinenze di immobili abitativi, così come intese ai sensi dell’art. 817 c.c., anche nel caso in cui gli interventi abbiano a oggetto la sola pertinenza di unità ad uso abitativo e nell’ulteriore ipotesi in cui detta unità abitativa sia situata in un edificio non a prevalente destinazione abitativa.

A quali immobili si applica l’Iva al 10% con Insufflaggio Certificato

A quali immobili si applica l’Iva al 10% con Insufflaggio Certificato

Sul sito web dell’ Agenzia delle Entrate sono presenti delle utili tabelle di correlazione che in funzione della destinazione d’uso degli immobili indicano quali devono essere le categorie catastali corrette.

I documenti per l’Iva al 10% con Insufflaggio Certificato

Per avere diritto all’applicazione dell’aliquota Iva agevolata al 10% per lavori di Insufflaggio Certificato, devi presentare l’autocertificazione con la quale dichiari di rientrare in uno dei casi previsti dalla legge cui spetta l’agevolazione fiscale dell’Iva. Per completare correttamente l’autocertificazione devi indicare  sia i dati anagrafici del richiedente (nome e cognome, data e luogo di nascita, residenza, ecc.), e sia i dati relativi all’immobile per il quale si sta facendo domanda (indirizzo completo, dati catastali, ecc.). Dopo aver sottoscritto, va completato allegando copia del documento di identità in corso di validità.
Il modello di autocertificazione da utilizzare, liberamente scaricabile anche dal nostro sito web, è il seguente:

MODELLO AUTOCERTIFICAZIONE IVA AL 10%

Dichiarazione per applicazione aliquota IVA agevolata prestazione servizi contratto appalto per manutenzione ordinaria o straordinaria

Il/la sottoscritto/a ___________________________________ nato/a a _______________ ( __ ) il __/__/____
C. F. _______________________ con la presente dichiara, sotto la sua personale responsabilità, che l’intervento edilizio concernente l’immobile sito in _______________________ ( __ ) in via _______________ n. __, in catasto al foglio n. ____ particella n. _______, rientra nelle previsioni di cui all’art. 7, comma 1 lettera b) della Legge 23 dicembre 1999 n. 488 e successive modifiche e proroghe e, pertanto

CHIEDE

che sulle prestazioni di servizi da Voi eseguite venga applicata l’aliquota nella misura agevolata del 10%.
Il/la sottoscritto/a si impegna a comunicare tempestivamente ogni eventuale fatto o circostanza che faccia venire meno il diritto alla sopra indicata agevolazione, al fine di consentirvi l’emissione della fattura integrativa per la differenza di aliquota, secondo quanto previsto dall’articolo 26, comma 1, del d.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633 e successive modifiche.

Luogo _________________, lì __/__/____

In fede

Allegati: copia doc. di identità in corso di validità

I documenti per l’Iva al 10% con Insufflaggio Certificato

I documenti per l’Iva al 10% con Insufflaggio Certificato

Riepilogo aliquote Iva sulla casa

Potresti trovarti nella situazione di non dover solo fare degli interventi di isolamento termico per la riqualificazione energetica della tua casa e per ridurre i consumi energetici. Ma magari stai eseguendo una ristrutturazione edilizia completa, oppure dei lavori di restauro e risanamento conservativo, o può essere che si tratti di interventi di recupero o lavori di manutenzione ordinaria.

Pertanto, dopo aver visto quali sono i documenti per l’agevolazione Iva al 10% con Insufflaggio Certificato, concludiamo l’articolo di approfondimento riportiamo un’utile quadro riepilogativo delle varie aliquote Iva cui puoi godere per le prestazioni di servizi nella tua casa.

PrestazioneAliquota IVA
(per contratto di appalto)
Aliquota IVA
(per contratto di subappalto)
Costruzione di abitazioni non di lusso (fabbricati “Tupini”)4%
(se “prima casa”, ovvero se impresa costruisce per rivendere)
4%
(se “prima casa”, ovvero se impresa costruisce per rivendere)
Costruzione di fabbricato rurale4%4%
Altra abitazione10%10%
Costruzione di edifici di lusso22%22%
Opere di urbanizzazione primaria e secondaria10%10%
Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria10%
(ci sono delle limitazioni in caso di “beni significativi”)
22%

Riepilogo aliquote Iva sulla casa

Riepilogo aliquote Iva sulla casa

Iscriviti alla nostra Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.
5/5 (2 Reviews)

Ultimo aggiornamento